“Comunitari alle urne?”: i romeni di Torino continuano a non crederci

op-voteIn Italia abitano 968.576 persone provenienti dalla Romania. Di queste soltanto 3.639 hanno esercitato il diritto al voto durante le ultime elezioni per il Parlamento europeo che si sono svolte il 25 Maggio.
Come ho fatto poco prima delle elezioni sono andato in giro, tra le vie della città con la popolazione romena più alta dell’Europa al di fuori dalla Romania, per sentire i pareri delle persone sulle elezioni. Siamo nel quartiere Borgo Dora, la nuova Khouribga-Bacau, il quartiere più romeno e marocchino d’Italia.
La mia principale curiosità era sulla consapevolezza elettorale. Una parte delle risposte dimostravano la forte mancanza d’informazione in merito a questo diritto, l’altra parte invece dimostrava la tendenza di questi ultimi anni ossia un forte disinteressamento dalla politica. Questo secondo elemento è molto diffuso purtroppo sopratutto tra le persone anagraficamente giovani . 
Le acque non sono molto diverse anche dopo le elezioni. Alcune persone pur sapendo che avevano il diritto di votare non sono andate a votare, le motivazioni sono varie ma quella principale è una fchiara mancanza di fiducia verso questa Unione europea.
Le persone che ho intervistato anche se non hanno votato sono al corrente dei risultati sopratutto dell’avanzamento forte delle destre xenofobe e dei movimenti euro-sciettici.
Il campione è troppo piccolo per considerarlo illustrativo della mentalità generale e non si può aspettare da una persona intervistata al volo un’analisi sui risultati. Ma le parole pronunciate tttra le quali il ricorrente richiamo alla “crisi” la dice lunga sullo stato d’animo dei cittadini europei… In particolare quelli meno abbienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *