Campi Bisenzio (FI): Angelo HU, 20 anni, consigliere comunale

A Campi Bisenzio, un giovane entra a far parte del consiglio comunale. Un ottima notizia. Ma non tutti la condividono perchè ii giovane in questione si chiama Angelo HU. E se amministrativamente è Provincia di Firenze, nei fatti è quasi periferia di Prato. E da queste parti il sentimento anti-cinese non si nasconde più. Ma Angelo non si scoraggia per così poco e sogna di partecipazione politica e di cambiamenti positivi per quella che considera casa sua, nonostante tutto. Un articolo con intervista di Malia Zheng.

Tra attacchi e incoraggiamenti

angelo Hu34L’annunciato ingresso di Angelo Hu nel consiglio comunale di Campi Bisenzio ha suscitato molte polemiche e osservazioni.

31 Marzo 2014. Angelo Hu, 20 anni, cinese di seconda generazione, firma presso la presidenza di consiglio comunale il suo nuovo incarico all’interno del consiglio comunale.

Qualcuno sul web scrive: «Mi garberebbe sapere quanti italiani ci sono in Cina nei loro consigli comunali o regionali o come cavolo si chiamano!!». Pietro L.D

A.Anna aggiunge con ironia: «Io mi aspetto che a Prato mettano un Sindaco cinese che munisca di sputacchiere la città».

Fabiola M. scrive con sarcasmo «Stiamo calmi: ci stanno solo colonizzando e i numeri gli danno ragione».

I commenti aspri si sono divagati sulle nodose questioni di Prato come di consueto di fronte ad una notizia che coinvolge un soggetto di origine cinese. Per fortuna a supportare questo evento ci sono stati altrettante persone che hanno commentato positivamente la cosa.

«Complimenti ti conosco e sei una bella persona buon lavoro Angelo», scrive un utente.

«Mi vergogno di essere italiana a leggere questi commenti. Rubano tanto gli italiani tanto che equitalia non riesce a recuperare tre milioni di euro. E se l’italiano non avesse la cultura di essere furbo o credersi tale per tirarlo in tasca al prossimo non saremo ridotti così. Sapete quanti italiani hanno sfruttato manodopera cinese per confezionare abiti e maglie?? Facciamoci tutti un esame di coscienza e poi giudichiamo. I fratelli HU a me piacciono». Scrive Stefania T.

Foto presa dal profilo Fb di Angelo Hu

L’intervista

Chi è Angelo?

È un ragazzo come tanti, che ama ascoltare la musica (The Killers), ama i pomeriggi trascorsi a giocare con gli amici a calcio e le serate a chiacchierare, ama parlare di politica, ama il confronto, la possibilità di scambiare le proprie opinioni, ama la democrazia. In una recente intervista risponde:

 Di cosa ti sei occupato ultimamente, prima di questa bella notizia?

«In questi mesi, politicamente ho fatto altri lavori assieme ai Giovani Democratici. Nel frattempo all’interno del comune sono emersi delle problematiche e il sindaco Fossi ha deciso di fare un rimpasto della giunta comunale».

 Come mai questo rimpasto all’interno della giunta?

«Il Sindaco ha ritenuto che, a causa della scarsa disponibilità di tempo dell’assessore Bartoloni e Marini, sia stato necessario un rimpasto di giunta».

Come ti senti di fronte a questo incarico assegnato?

«Sono molto emozionato, perché l’anno scorso mi sono candidato per dare un segnale che anche politicamente, la comunità cinese c’è, non pensando di essere eletto. Riguardandomi alle spalle, dall’inizio del mio ingresso in politica di due anni fa ad oggi, penso che questo sia un’esperienza importante per me, uno step successivo dopo aver fatto gavetta che mi rende molto soddisfatto, ora penso a questi quattro anni di Consigliatura».

Cosa pensi di fare in questi quattro anni?

«Vorrei portare avanti le mie idee, su integrazione, politiche giovanili e dialogo interculturale, portando anche la voce di coloro che sono esclusi dalla vita politica o che non nutrono interesse per essa come i giovani, ma anche la voce di coloro che non possono votare, come i cittadini extra-comunitari».

Sono nato qui e qui voglio vivere

angelo HuCercando di mitigare i commenti alla notizia pubblicata su Facebook, Angelo interviene spiegando: «Sono cittadino italiano, dal compimento del mio 18esimo compleanno, ho rinunciato alla cittadinanza cinese, perché condivido molti più valori italiani, sono nato a Firenze e ho sempre vissuto in Italia, io non sono comunista, ma condivido i valori della sinistra di uguaglianza, perché non conta il colore della pelle, ma le idee di una persona. A Campi si è fatto un grande lavoro di integrazione e lavorerò per continuare sulla giusta strada, tracciata dalle precedenti amministrazione. Un saluto Angelo Hu».

Un anno fa Angelo Hu si era iscritto al partito Sinistra Ecologia Libertà, dopo aver scelto la cittadinanza italiana oggi è consigliere comunale a soli 20 anni. In un’Italia dove molti giovani hanno perso fiducia nella classe politica, ci sono ragazzi che come Angelo Hu ci credono e si impegnano verso questo percorso.

Nessuno si è soffermato sull’età di Angelo, ma solo sulle sue origini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *