Recensione: film “Il luogo delle fragole”

il luogo delle fragoleLa regia è di Maite Vitoria Daneris, giunta a Torino dalla Spagna quasi sette anni fa, quando è rimasta affascinata dalla città, da Porta Palazzo ma soprattutto da Lina una contadina di San Mauro. Lina parte ogni mattina con il suo furgoncino carico di verdure e frutta, soprattutto fragole, diretta all’ala del mercato di Porta Palazzo occupata dai coltivatori diretti, la famosa sezione dei contadini. Lina vive con suo marito in una casa indipendente con tanto di terreno e cinque cani. È una donna di piccola statura, sempre curva, abituata dal suo lavoro, che svolge da tutta una vita. Lina ha sempre e solo fatto la contadina. Un giorno, alle due del mattino, quando Maite si trovava al mercato di Porta Palazzo, ancora deserto, per filmare, vide giungere Lina e decise all’istante di realizzare il suo primo lungometraggio incentrandolo su questa forte e laboriosa persona. Maite intervista Lina quasi quotidianamente, mentre coltiva, raccoglie, vende, seguendola lungo il suo tragitto verso il mercato e dentro il mercato. Il marito di Lina partecipa molto poco perché è una persona taciturna e riservata. Mentre vediamo Maite entrare sempre di più nella vita quotidiana di Lina e farla parlare del suo passato ma anche del futuro, in medias res, appare Hassan. Hassan cerca lavoro al mercato, Lina pensa di aver bisogno di una mano. Da quel momento queste due persone, oltre a lavorare insieme, diventano anche amiche. Hassan entra nella vita di Lina come nel film di Maite, che inizia a raccontare anche di lui. Un film affatto banale, con un taglio quasi antropologico, che illustra la semplice, e contemporaneamente complicata, convivenza di due persone unite per via del lavoro. Lina, all’inizio del film, sostiene di non aver mai pensato di smettere di lavorare perché lei si identifica con questo impegno, ciononostante l’arrivo di Hassan, oltre cambiare una serie di cose nella vita di Lina e di suo marito, inizia a scalfire questa iniziale certezza.

Scheda:

IL LUOGO DELLE FRAGOLE (El lugar de las fresas). Regia di Maite Vitoria Daneris. Produzione: Maite Vitoria Daneris Film. Italia, Spagna. anno: 2013.

Altre recensioni: Tre ottimi film sull’immigrazione al TFF di Torino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *