Dialogo tra culture: ospite in Toscana la collezione dei tesori del Dar Al-Tifel Al-Arabi Museum di Gerusalemme

Preziosi e raffinati gioielli, abiti finemente ricamati e amuleti, sono una parte dei tesori del Dar Al-Tifel Al-Arabi Museum, storica istituzione culturale araba di Gerusalemme Est, in esposizione presso il Palazzo Medici Ricciardi a Firenze, dal 5 al 24 novembre.

La mostra, organizzata dall’Istituzione Centro Nord Sud in collaborazione con il Dar-Al Tifel Museum, Provincia di Firenze, la Regione Toscana e il Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme, rappresenta una originale collezione che rispecchia la varietà e la ricchezza del prezioso patrimonio conservato oltre che la forte identità del popolo palestinese. Abiti della regione di Jaffa e del distretto di Betlemme, copricapo “Saffa” della regione di Ramallah con monete d’oro e d’argento,  velo “Bourkou” indossato dalle donne beduine di Khan Yunis, sono alcuni dei 55 oggetti tra vesti, giacche, copricapi, amuleti e gioielli in argento provenienti dai territori della Palestina storica, tutti datati tra la prima e la seconda metà del secolo scorso.

«La bellezza degli oggetti in esposizione provenienti dal Dar Al-Tifel fanno scoprire al grande pubblico il volto meno noto della Palestina – ha dichiarato la presidente del Nord-Sud Silvia Pagnin – rivelano una cultura viva e ricca, fanno scoprire un artigianato di altissimo livello che oggi per la prima volta è a disposizione del pubblico italiano. La riapertura del museo è stata possibile grazie ad un progetto della Provincia di Pisa e dell’Istituzione Centro Nord-Sud inserito nel quadro del programma a sostegno delle municipalità palestinesi finanziato dal Ministero degli Affari Esteri. Grazie a questo progetto è stato realizzato il riallestimento del museo e un corso di formazione avanzata per i responsabili della struttura, dal direttore allo staff tecnico e della promozione, tenuto da prestigiosi esperti come Moira Brunori, Emanuele Pellegrini, Alessandro P. Furiesi; tutto ciò ha consentito la riapertura del Museo, ormai chiuso da decenni.In contesto difficile e delicato come quello di Gerusalemme, – ha concluso la presidente Pagnin – il sostegno dato per la riapertura del Museo è un passo importante verso la pace. Riaprire il Dar Al-Tifel significa infatti riaccendere la speranza della convivenza pacifica, contro i rischi dovuti alla perdita di identità delle giovani generazioni palestinesi.»

«Ospitare questa mostra – è il commento del presidente della Provincia di Firenze Barducci significa ribadire un segnale di vicinanza al popolo palestinese ed a tutti coloro che in un contesto proibitivo riescono a portare avanti iniziative come queste.»

Il catalogo della mostra, con testi di Khaled Khatib, Emanuele Pellegrini, Alessandro P. Furiesi e Moira Brunori, è curato da Giovanna Burinato.

Fonte: Istituzione Centro Nord Sud di Pisa

Latest Comments
  1. Marilina Castiglioni
    Rispondi -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *