A Pistoia per lo Ius Soli

PISTOIA – Ius soli, cittadinanza per i figli degli immigrati nati sul territorio nazionale e diritto di voto ai cittadini stranieri. Di tutto questo si è parlato a Pistoia, in un incontro tenutosi nella Sala Maggiore del Comune che ha visto confrontarsi sul tema politici, esperti e associazioni.

A intervenire e accendere il dibattito  sono stati ospiti illustri, tra cui l’avvocato Trucco, presidente ASGI e primo firmatario della campagna “l’Italia sono anch’io”, gli Onorevoli PD Bini e Fanucci ed il Senatore Vannino Chiti. A concludere la serata è stato il sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli, il quale, parlando di nuova politica e nuove riforme, ha ottenuto una grande ovazione dal pubblico presente.

Come nel resto del Paese anche a Pistoia il numero dei cittadini non aventi cittadinanza italiana è in continuo aumento, secondo i dati Istat nel 2011 questi rappresentavano l’8,9% dei residenti con circa 8.000 presenze, mentre a livello provinciale si toccava la soglia delle 30.000 presenze.

In sala tante le associazioni presenti: ARCI, ANPI, CARITAS, ACLI, AssoAlbania, CGIL, CentroEspaces, Libera, Parrocchia Vicofaro sono infatti intervenute attraverso i loro rappresentanti con testimonianze dirette a sostegno del tema dello “Ius soli”.

“Durante la campagna per la raccolta delle firme, abbiamo toccato varie regioni e varie realtà, dalle scuole alle piazze e raramente abbiamo trovato reazioni di intolleranza – ha affermato l’Avvocato Lorenzo Trucco -. Credo che la società civile sia pronta al cambiamento, ma un po’ meno lo è la politica che continua a procedere a passi lentissimi”.

In Italia ormai risiedono più di 5 milioni di cittadini stranieri, circa l’8% della popolazione. Essi hanno un permesso di soggiorno e lavorano regolarmente pagando le tasse imposte dallo Stato, lo stesso Stato che non riconosce come propri figli quel milioni di minorenni cresciuti in Italia, 700.000 dei quali nati in questo Paese.

“Il Governo d’oggi non può far finta di niente, dobbiamo reagire in fretta, la cittadinanza ai figli degli immigrati rappresenta un punto fermo del nostro programma politico e non possiamo aspettare un prossimo mandato per procedere con una nuova legge – ha affermato l’On. Fanucci -. Non possiamo farci intimorire da chi governa insieme a noi, loro hanno voluto togliere l’IMU, noi vogliamo una nuova legge sulla cittadinanza, a costo di far cadere il Governo”.

Inoltre il Senatore Vannino Chiti, presente nel panorama politico nazionale ormai da diversi anni nonché ex Vicepresidente del Senato, si è detto pronto a dibattere sul tema dello “Ius Soli” in Senato cercando di allertare di persona l’attuale Presidente Grasso su questa problematica di primaria importanza.

A concludere la serata è stato il Sindaco del Comune di Pistoia. “Le comunità degli immigrati – ha dichiarato Samuele Bertinelli -, con il loro impegno ed il loro lavoro hanno dato tanto alla città di Pistoia, è giunta l’ora che noi dessimo qualcosa a loro. Non è possibile che nel 2013, in un paese dove abbiamo sempre combattuto per i diritti, il lavoratore straniero non possa partecipare alla scelta degli amministratori della città in cui vive ed opera, subendo condizioni di disuguaglianza ed ingiustizia”.

Arber Agalliu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *