Storie di “badanti e badati” in scena con Daniela Morozzi e Leonardo Brizzi

“Sono la badante straniera quella che improvvisamente entra nella vostra casa, nella vostra vita per affiancarvi nella cura dei vostri affetti più cari… Io porto con me la mia differenza: il suono della mia lingua, il colore della mia pelle, le abitudini e le tradizioni della mia terra, io porto con me i ricordi di quello che sono e di quello che ho lasciato, i miei amori, i miei amici, la mia famiglia. Insieme possiamo dare un senso alla vecchiaia, alla malattia, alla morte… e quindi alla vita”.

Così inizia “Mangiare, bere, dormire: storie di badanti e badati”, spettacolo teatrale di e con Daniela Morozzi e Leonardo Brizzi nato dalla collaborazione con l′Associazione Interculturale di Donne Nosotras, all′interno del Progetto NerArgento, finalizzato al contrasto dei fenomeni di discriminazione nei confronti delle donne che svolgono lavoro di assistenza familiare.

Un collage di storie vere, vissute e raccontate da donne in carne e ossa. È un lavoro che parla di badanti e di badati, la cui cura è affidata alle donne di tutto il mondo.

“Attraverso il linguaggio proprio del teatro e della musica – dichiara sul suo sito Leonardo Brizzi – abbiamo portato sulla scena una realtà sempre più radicata e necessaria del nostro paese e troppo spesso sottovalutata, relegata nell′anonimato delle mura domestiche o sulle pagine dei giornali, magari l′otto marzo, oppure durante gli sbarchi dei clandestini, cioè nei periodi in cui anche l′immigrazione è una notizia”.

“Ma parlare di affetti trovati e lasciati – continua -, di terre lontane, di odori e profumi diversi, di visioni della vita sconosciute è un′unica storia e appartiene a tutti i giorni dell’anno. Il terreno dell′accoglienza e dell′inclusione si gioca proprio qui, all′interno delle nostre case, attraverso le nostre nonne, nonni, madri e padri. Abbiamone cura”.

Lo spettacolo andrà in scena il prossimo 18 gennaio a Monterotondo (GR), il 19 a Rapolano (SI), il 26 a Montemurlo (PO). Per maggiori informazioni visita il sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *