Cittadinanza per le seconde generazioni: a Napolitano un messaggio a ritmo di rap

 Amir ha scelto il rap per raggiungere con il suo messaggio il Presidente della Repubblica. Un messaggio che lancia a nome di tutti i ragazzi e le ragazze di seconda generazione presenti in Italia per invitare Napolitano a sollecitare il mondo della politica a mettere al primo posto dell’agenda politica 2013 la risoluzione del paradosso che vede più di mezzo milione di giovani nati e cresciuti in Italia ancora stranieri secondo la legge.  

Ecco di seguito la lettera che Amir ha scritto al Presidente.

Caro Presidente,

mi chiamo Amir e sono un rapper che più volte nelle sue canzoni ha dato voce ai ragazzi di seconda generazione.

Nonostante io abbia la cittadinanza da sempre (mia madre è italiana), molte volte sono stato considerato uno straniero per via delle mie origini egiziane. Il problema oltre ad essere legislativo è culturale, dovrebbe cambiare la percezione di come è fatto un Italiano nel 2012: non è necessariamente “bianco” ma può essere di carnagione scura, avere occhi a mandorla, avere capelli afro…

Di fatto però non sono cittadini italiani i nati in Italia da genitori di origine straniera. È cittadino solo chi è nato da italiani, mentre il bambino che nasce in Italia da due stranieri viene iscritto all’anagrafe come straniero. I bambini e i ragazzi che vivono questa situazione sono oltre mezzo milione in Italia.

Vorrei chiederle, Presidente Giorgio Napolitano, di porre questa questione durante il suo discorso di fine anno a reti unificate, sollecitando la politica a mettere questo tema tra le priorità da risolvere nel 2013.

L’identità di questi ragazzi non viene fatta corrispondere con la loro identità giuridica. Per lingua, cultura, abitudini, sono italiani, ma possono diventarlo a tutti gli effetti solamente a 18 anni, e fino a quel giorno devono vivere in Italia con il permesso di soggiorno, diversamente da quanto accade in altri paesi dove è lo ius soli a contare, come negli USA, in Canada e in altri paesi europei.

È evidente che c’è un gap tra lo status giuridico e l’identità personale: un’intera generazione cresce e rischia di restare straniera nel paese che sente proprio, in cui è nata, si è formata, e nel quale intende restare per sempre…

So che lei è molto sensibile al tema e durante il discorso di fine anno tutto il paese la ascolterà per capire cosa ci aspetterà nel 2013. Per questo le chiedo di usare questa occasione per ribadire la sua convinzione che tutti coloro che nascono in Italia debbano essere considerati italiani affinchè il 2012 possa essere l’ultimo anno in cui questo diritto non venga riconosciuto.

Grazie,

Amir

Ecco di seguito il video, diffuso attraverso il web anche grazie all’aiuto di Twitter  (hashtag #caropresidente) con cui viene chiesto al Presidente Napolitano di ricordare le seconde generazioni nel discorso di fine anno.

Per condividere l’appello di Amir è possibile firmare una petizione online: per leggerla clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *