Concorso fotografico Melting Pot, ecco i vincitori

Giovani Calcio Storico Fiorentino, Integrazione, Primavera bolognese e Change. Sono questi gli scatti dell’Italia che cambia vincitori del concorso Melting Pot, la competizione fotografica organizzata da Cospe e Ansi in collaborazione con la campagna Italiano Nato, all’interno del progetto europeo Media4Us.

Giovani Calcio Storico Fiorentino

Sport, lavoro e tempo libero: sono i contesti più semplici e familiari quelli immortalati nelle foto vincitrici, background della quotidianità di bambini, giovani e adulti attori della società interculturale. La selezione delle migliori fotografie – prescelte tra le molte che hanno concorso al premio, tutte di grande qualità – è stata condotta da una giuria formata da esperti di tematiche legate alle discriminazioni e all’antirazzismo, da fotografi professionisti e da giornalisti. Tra loro Giampaolo Roidi, direttore di Metro Italy, Giulia Tornari dell’Agenzia Contrasto, Udo Enwereuzor di Cospe, Viorica Nechifor dell’Ansi ed Elisa Finocchiaro di Italiano Nato.
La valutazione è stata condotta in base a tre parametri quali l’impatto, l’originalità e la realizzazione tecnica. Gli scatti scelti sono quelli che più di tutti sono stati ritenuti in grado di comunicare gli aspetti positivi ed originali della società interculturale, trasformando così in immagini lo slogan INtercultura e diritti di cittadinanza per le seconde generazioni – Cambia il mondo, cominciando dal tuo mondo: lasciati alle spalle l’OUT e diventa IN!”.

Le immagini scelte, ciascuna secondo lo stile dell’autore, sono dunque quelle che riescono in modo più efficace e diretto a testimoniare i nuovi cambiamenti in atto nel contesto sociale italiano, l’apporto positivo della presenza di cittadini provenienti da altri paesi e la naturale appartenenza delle seconde generazioni alla società.

Il primo in classifica con Giovani Calcio Storico Fiorentino è Stefano Zanini. “La foto – spiega – ritrae un fiorentino di origini nordafricane che porta la palla in un’azione goal nel violento sport tradizionale della città in occasione dei festeggiamenti del patrono San Giovanni”.

Integrazione

Il secondo arrivato è invece Christian Camarda con la fotografia dal titolo Integrazione. “Ho voluto ritrarre quattro giovani di seconda generazione nati nella città di Torino – commenta Christian -. Tutto, a partire dal loro look, parla di integrazione”.

Sono due i fotografi che si sono classificati terzi ex aequo: Giancarlo Russetti con Primavera bolognese e Paolo Mannarino, autore di Change. Mentre la foto di Russetti presenta uno spaccato del calcio esordiente bolognese, dove prime e seconde generazioni scendono in capo con la maglia dello stesso colore, lo scatto di Mannarino vuole essere immagine del cambiamento colto in un contesto che unisce e accomuna, quello lavorativo.

Tanti i premi e i riconoscimenti che Melting Pot ha in serbo per i suoi concorrenti. Il primo arrivato volerà in Olanda, dove potrà soggiornare per tre giorni e partecipare al meeting europeo Media4Us. Il secondo avrà diritto a abbonamento annuale alla rivista Babel. Chi ha conquistato la terza posizione potrà invece vedere le sue foto – assieme agli scatti degli altri vincitori – sul supplemento al quotidiano gratuito Metro, in uscita il prossimo 20 novembre. Tutte le migliori fotografie saranno infine pubblicate sul siti italiano ed internazionale del progetto Media4Us.

Una photo gallery delle dieci foto finaliste è visibile cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *